Home

 

 

CURRICULUM

 

La AIC Associazione Insegnanti Chimici si costituisce legalmente in Palermo il 29 settembre del 1995. È una Associazione nazionale disciplinare e culturale che non ha scopo di lucro.

 

Svolge le seguenti attività:

 

- Pubblica il periodico “il Bollettino” dal 1996.

- Organizza e tiene corsi di formazione per docenti:

  • La Didattica della Chimica - Palermo 1996

  • Inquinamento Atmosferico - Corso di 40 ore in collaborazione con l’Università di Palermo, l’Università di Pisa e il CNR di Palermo - Palermo 1998

  • La Nuova Didattica della Chimica - Palermo 1999

  • L’Educazione Scientifica nella Scuola dell’Obbligo - organizzato dal CIDI e dalla casa editrice Palumbo - Palermo 2001

  • Problemi inerenti l’insegnamento della Chimica negli Istituti di Istruzione Secondaria di 2° grado - organizzato dall’Ordine Provinciale dei Chimici - Messina 2002

  • La Diffusione della Cultura Chimica a partire dalla Scuola di Base - organizzato dall’Ordine Provinciale dei Chimici - Reggio Calabria 2002

  • Contenuti e metodologia didattica nell’insegnamento della Chimica - Palermo 2003

  • Contenuti e metodologia didattica nell’insegnamento della Chimica - Messina 2003

  • Strumenti Informatici e Applicazioni in Didattica - Palermo 2004

 

- Organizza i seguenti seminari di carattere scientifico-culturale nelle Scuole Secondarie di 2° grado indirizzati agli alunni, ai docenti e ai genitori degli alunni dal 2002 al 2007

  • Etichetta ti leggo

  • Il Vino: caratteristiche organolettiche, salutistiche e la biotecnologia

  • Inquinamento Atmosferico (due parti)

  • Inquinamento dell’Acqua

  • L’apparato Idraulico e i suoi camminamenti in Palermo

  • La fusione dei metalli nel 500

  • L’Olio di oliva: caratteristiche organolettiche e salutistiche e il Mercato

  • Macchina ad Idrogeno

  • Polimeri. Preparazione del Nylon

  • Tecniche di Conservazione degli Alimenti (due parti).

 

- Partecipa a congressi nazionali sulla didattica delle discipline scientifiche nella Scuola e nell’Università.

 

  • Presenta la relazione Formazione del Chimico. Conseguenze e Prospettive della Riforma”

X Congresso Nazionale dell’Ordine dei Chimici e 1°Congresso Nazionale dei Dottori Chimici - Padova 2001

  • Presenta la relazione “L’insegnamento della Chimica nella Scuola Secondaria di 2° grado”. XI Congresso Nazionale dei Chimici – Torino 2002

  • Fa parte dal 1997 del “Forum delle Associazioni disciplinari” per discutere sui temi relativi all’aggiornamento e alla formazione dei Docenti, sui contenuti disciplinari dei curricoli e sulla Riforma della Scuola. È una delle Associazioni disciplinari promotrici della giornata di studio sul tema: “La formazione dei docenti nella Scuola dell’Autonomia”. Bologna 2002. Partecipa al gruppo di lavoro del Forum per valutare la proposta di Legge sulla funzione Docente. Presenta al Forum la prima stesura del Curricolo di Chimica pubblicato nel Vol. 3/4 del 1999 degli “Annali” del MPI. Il Forum e successivamente il MPI pubblicano un “Libro Bianco” sulle indicazioni ministeriali per il primo ciclo dell’istruzione con vari interventi; il documento della AIC dal titolo “Condizioni per una Riforma” (che tratta di cultura del territorio, autonomia scolastica, figura del Tutor, formazione dei docenti per l’attuazione della riforma e finalità dell’insegnamento/apprendimento delle discipline scientifiche) è segnalato da “Redazione Scuola e Città” 2004.

  • Interviene al 1° e al 2° Convegno sulla Riforma nei Licei Scientifici organizzato dal MIUR. -Roma 2009

  • Si fa promotrice della formazione di una Commissione Didattica con AIF e SIF per elaborare i nuovi programmi di Chimica e di Fisica negli Istituti di Istruzione Secondaria e partecipa alla riunione indetta dalla Commissione. -Bologna 2009

  • Partecipa ad un incontro nazionale di DD-SCI, CNC e AIC tenutosi presso la sede del Consiglio Nazionale dei Chimici. - Roma 2010

  • Interviene sul riordino dell’Istruzione Superiore presso la Commissione Cultura della Camera dei Deputati. - Roma 2010

  • Elabora ed inoltra agli Organi Istituzionali, di concerto con il Consiglio Nazionale dei Chimici, il Documento Programmatico in ordine alle nuove classi di concorso. 2010.

  • Elabora ed invia ad Organi Istituzionali e di Governo il documento denominato: “Appello per la valorizzazione dei docenti abilitati nella classe A013 (futura A34) nei nuovi Licei ed Istituti Tecnici e Professionali”. 2011

  • Partecipa alla Conferenza dei Presidenti dei Consigli di Corso di Laurea area chimica incluso il gruppo di docenti di Chimica e Tecnologie Chimiche. 2011

  • Partecipa al dibattito governativo “La Buona Scuola” pubblicando sulla piattaforma on-line del MIUR un documento inerente l’insegnamento della Chimica. 2015

 

- Per avvalorare la complementarietà delle discipline umanistiche e scientifiche nella formazione culturale, organizza con la docente di Lettere Italiane la sperimentazione “Lingua - Chimica” in una classe del biennio della Scuola Secondaria di 2° grado “V. E. III.” Palermo, pubblicata sul sito di Territorio Scuola. Anno scolastico 1998-1999

 

- Realizza il progetto “L’Educazione Scientifica nella Scuola dell’Infanzia, Elementare e Media”, pubblicato sul sito di INDIRE e di Territorio Scuola:

  • Scuola Primaria “Ferrara” Palermo dal 1998 al 2004;

  • Scuola Secondaria di 1° grado “Virgilio” Palermo dal 2005 al 2008;

  • altre Scuole di Infanzia e Primaria negli anni 2006-2007, 2015-2016, 2016-2017.

 

- Nell’anno 1998 nella settimana della Scienza e della Tecnica la AIC partecipa alla mostra di strumenti scientifici antichi. Nell'anno scolastico 1998-1999 la AIC crea “Experimenta”, che negli anni successivi organizza in Scuole di Palermo dal 1999 al 2005 e in una Scuola di Milazzo nel 2006. In questo evento gli alunni di tutte le fasce scolari presentano ai visitatori alcuni degli esperimenti da loro realizzati durante l’anno scolastico. “Experimenta” si conclude con “La Magia della Chimica” con esperimenti scientifici particolarmente spettacolari.

 

- Realizza il progetto AMDAS “Apprendimento Metodologie Didattiche Area Scientifica” per i docenti di discipline scientifiche del biennio della Scuola Superiore di 2° grado facenti parte dello stesso Consiglio di Classe. Anno scolastico 2002-2003

 

- Redige per la Treccani la bibliografia che interessa la Scuola, dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di 2° grado. 2001

 

- Modera i Forum FORTIC e Punto EDU di INDIRE per i docenti Neo Assunti della Scuola Primaria e Secondaria di 1° grado e per docenti chimica dal 2002 al 2007.

- Valuta per INDIRE siti e software della didattica della Chimica 2002, 2003.

- Realizza il Progetto “SeT” rivolto ai docenti della Scuola dell’Infanzia e Primaria e della Scuola Secondaria di 1° grado. Anno scolastico 2003-2004

 

- Firma con AIF, ANISN, DD-SCI presso il MIUR-USR il Protocollo di Intesa che dà luogo annualmente all’organizzazione della Scuola estiva SPAIS (Scuola Permanente per l’Aggiornamento degli Insegnanti di Scienze). 2006

 

- Presenta su invito il progetto: “L’Educazione Scientifica nella Scuola dell’Infanzia, Elementare e Media” nell’ambito della manifestazione “3 giorni per la Scuola” presso la Città della Scienza di Napoli. 2007

 

- Realizza un corso di Laboratorio di Chimica in due Licei Scientifici. Anno scolastico 2010-2011

- Pubblica con Aracne il libro “Storie di bambini che raccontano la scienza” scritto da due docenti della AIC che hanno realizzato il progetto “L’Educazione Scientifica nella Scuola dell’Infanzia, Elementare e Media”. L’Associazione Italiana del Libro lo classifica fra i primi 50 fra i 262 libri di carattere scientifico in concorso. 2015

- Continua a partecipare all’organizzazione della scuola estiva SPAIS.

- Continua la pubblicazione del periodico “il Bollettino”. 2019

 

Sito AIC: www.aic-eu.it

 

Legenda delle sigle

AIF – Associazione per l’Insegnamento della Fisica

ANISN – Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali

CNC – Consiglio Nazionale dei Chimici

CNR – Centro Nazionale Ricerche

 

DD-SCI – Divisione Didattica Società Chimica Italiana

MIUR – Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca

MPI – Ministero della Pubblica Istruzione

SIF – Società Italiana di Fisica

USR – Ufficio Scolastico Regionale

 

 

 

 

 

SINTESI


Un viaggio fondato sull’esperimento che ha dato forte motivazione anche ai più piccoli, attivandoli nel fare proposte e ragionare sul loro percorso mentre comprendevano che il fare uso sapiente delle mani contribuisce alla completezza dell’individuo. Da questa condizione stimolante scaturivano tutti i “perché” e il dialogo sempre incoraggiato. L’apprendimento confina con il gioco e nella classe si crea un’atmosfera di collaborazione e partecipazione. Questo viaggio ha regalato a chi l’ha vissuto tante emozioni, ha arricchito professionalmente i docenti e ha fatto sentire gli alunni più vicini alla scienza “fatta in laboratorio” perché l’hanno sperimentata e non la vivranno più come astratta.


PREFAZIONE

di Rita Coscarella


Quando frequentavo la scuola media la matematica e le scienze mi apparivano materie oscure e incomprensibili: non riuscivo a collegare i concetti con la vita reale.

Ricordo il titolo del testo di scienze naturali: “Osserva, sperimenta e impara”. Sulla copertina appariva una lente di ingrandimento enorme che faceva sognare e immaginare aule attrezzate di laboratorio ricche di strumenti.

In realtà la sperimentazione in classe era relegata a piccoli esperimenti svolti spesso durante l’ultimo quarto d’ora di lezione e le lezioni erano cariche di contenuti nozionistici di cui oggi non ricordo nulla.

Mi è rimasto il rammarico di avere perso un’occasione: quella di comprendere i fondamenti delle discipline scientifiche: ci sono voluti anni per ricucire nella mia mente la trama tra discipline umanistiche e scientifiche.

Per questo motivo il progetto “Educazione scientifica nella scuola di base” mi ha subito entusiasmato e ne sono stata una sostenitrice appassionata.

L’idea di fondo del progetto era chiara: sollecitare la curiosità, la motivazione, il desiderio di imparare dell’alunno attraverso l’esperienza. Solo in questo modo i concetti vengono appresi in modo permanente.

Infatti argomenti come la grandezza fisica, il galleggiamento, la viscosità, la densità possono risultare astratti se non sono accompagnati da un’attività in cui l’alunno a qualsiasi età diventa protagonista e costruttore di conoscenza.

Se gli alunni vengono guidati a osservare, confrontare, ordinare, verificare, elaborare ipotesi, ecc. l’apprendimento diventa realmente significativo.

Così l’esperienza, accompagnata dal dialogo con il docente e con la classe, diventa anche un mezzo per riflettere sul linguaggio, per usare un linguaggio sempre più preciso e idoneo: il linguaggio non è più uno strumento passivo legato prevalentemente alla trasmissione di nozioni astratte ma serve all’alunno per costruire la propria conoscenza.

Ringrazio l’AIC per avermi coinvolto in questa sperimentazione, per avere portato a termine l’iniziativa con professionalità.

I frutti del loro lavoro li troviamo nelle pagine di questo libro.

Un grazie di cuore alle professoresse Giuseppa Mauro e Irene Mongiovì che hanno condotto il lavoro con generosità, impegno e passione.

 


 

 

 

SPAISS 2019

 


 

 

In ambito scientifico i modelli possono essere definiti come rappresentazione di una idea, di un oggetto o anche di un processo o di un sistema che si utilizzano per descrivere o interpretare fenomeni anche non direttamente osservabili. I modelli rivestono un ruolo centrale nella ricerca scientifica sia per la progettazione e verifica di nuove idee sia per l'interpretazione e razionalizzazione dei risultati ottenuti, in quanto essi sono quasi sempre indispensabili anelli di raccordo fra osservazioni e teorie. conseguenza della rappresentazione modellistica.

SPAIS 2019 intende prendere in esame i più importanti modelli di riferimento nel campo della fisica, della chimica, della biologia e delle altre Scienze più marcatamente multidisciplinari come quelle ambientali, geologiche e naturali presentando prevalentemente, per ciascuna disciplina, un panorama di risultati sperimentali recenti coerenti con i modelli stessi. Inoltre in occasione del 150° anniversario della sua pubblicazione, ci sarà spazio per discutere la Tavola Periodica degli Elementi: il modello fondamentale della chimica e non solo.

Per informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.unipa.it/flor/spais.htm

 

 

 


                  
 
 
 
 
 
 

Sito aggiornato il 18 giugno 2019
 
Altri articoli...
«InizioPrec.12Succ.Fine»

Pagina 1 di 2